Primo e secondo giorno di Lungavia Toscana

Il primo giorno di un viaggio come questo è come il primo giorno di scuola. Ti ricordi cosa significa ma ogni volta ti assale quella strana sensazione, mista fra ansia e curiosità.
Il nostro primo giorno di scuola è stato intenso. Subito una verifica vera, poiché, chi vive qui lo sa bene, pochi giorni fa il nostro amato Padule (ma anche larga parte della Valdinievole) è stato violentato da una tromba d’aria impressionante. Le cicatrici e i segni ci sono stati ben visibili per tutto il percorso. Alberi sradicati, rami e vegetazione sparsa ovunque, ponti divelti ed il livello delle acque paduline preoccupantemente alte. Nel bosco di Chiusi poi, sembrava di attraversare un inferno di grovigli e tronchi ed è stato necessario farsi largo con la sega, un po’ di coraggio da parte dei cavalli e tanto sudore per noi.
Per fortuna il Lago dei Salici ci aspettava, accogliente come la casa di un amico, e alla fine,  siamo riusciti ad arrivare prima del buio.
La mia preoccupazione più grande è sempre il basto che rappresenta uno degli aspetti più tecnici in una lunga percorrenza a cavallo.
Ma sono contento. La squadra c’è, e, con qualche piccolo ritocco sono convinto che andremo lontano!

 

no images were found

 

Oggi invece pausa tecnica. Le difficoltà incontrate ieri  hanno messo alla prova il basto e la povera Amelie. Alla prima notte di bivacco vero ho capito che alcune cosette erano ancora da sistemare e così ci siamo presi la giornata per ottimizzare tutta una serie di aspetti, soprattutto semplificando e alleggerendo ulteriormente il basto.
Ho spulciato nuovamente tutto il materiale, ben disteso in ordine su di una lunga panchina all’ombra, e sono riuscito a togliere altri 5kg    che Martina e Alex (come faremmo senza di loro?) hanno poi riportato a casa.
Ho approfittato anche per finire di sistemare il basto con un bel lavorino di taglia e cuci per ottimizzare le cinghie.
Poi è stato il turno del pareggio. Quello che mi intriga è scoprire (questa volta che avrò i dati certi dei km percorsi, grazie al gps)  quanto lontano ci porteranno i piedi nudi dei nostri cavalli, con provata certezza!
Avendo il piccolo branco ampiamente terminato il  pascolo notturno abbiamo spostato i cavalli, cogliendo l’occasione per testare sul campo i nuovi picchetti auto-costruiti che si sono comportati egregiamente.
L’ultima buona notizia della giornata è che Nina (la nostra cagnetta) ha finalmente deciso di essere pronta per venire con noi e si é unita alla comitiva. La terremo d’occhio in questi giorni per vedere se si sente a suo agio o meno… Stasera dorme rannicchiata al nostro fianco sotto la tenda!

Bene, fino a qui si è scherzato e si è rodata la squadra, da domani si comincia davvero su sentieri sconosciti alla ricerca di un pascolo accogliete per passare la notte.

1-Acquisizione a schermo intero 07102014 200050