Category Archives: Corsi e Formazioni

I nostri corsi e formazioni a 360° sul mondo del cavallo

Etica dell’allevamento equino e umano

Ogni società presuppone un compromesso, l’individuo sacrifica la sua libertà personale in cambio di benefici non ottenibili in una vita condotta in solitario. Ognuno di noi ha esperienza delle regole restrittive che il vivere comune ci impone per il fine ultimo della sopravvivenza e del benessere collettivo, ognuno di noi ha ben chiaro quanto sia delicato questo equilibrio di dare avere ed ogni individuo sente quanto una collettività etica e  dignitosa possa giovare al singolo nel suo percorso evolutivo che difficilmente sarebbe ottenibile vivendo un’esistenza decontestualizzata.

Quando un qualunque essere (umano o animale) entra in contatto con un essere più evoluto le possibilità sono due o ne trarrà giovamento o verrà sfruttato. E’ ciò che molto naturalmente succede fra il bimbo e la sua mamma, fra fratelli maggiori e minori, fra l’insegnate e l’allievo, fra i maestro e il discepolo, ma anche fra l’uomo e il suo cavallo.

Quando decidemmo di togliere i cavalli dal loro stato naturale per allevarli e sfruttarne la devastante forza e velocità in cambio di protezione cibo e cure, stipulammo con loro lo stesso patto etico che avrebbe dovuto contraddistinguere anche la nostra di società, quella umana. Privandoli di un bene così prezioso come la libertà e chiedendogli lavoro e fatica a nostro beneficio avremmo dovuto almeno pareggiare la bilancia con un tesoro di altrettanto valore.

É andata davvero così?

Come avrebbe mai potuto esserlo se per primi noi umani, esattamente come i nostri cavalli, siamo relegati in stretti box di cemento, con le grate alle finestre, divisi gli uni dagli altri, malnutriti, ridicolmente agghindati alla moda, con dei pezzi di ferro inchiodati ai piedi, costretti sempre al solito percorso box/lavoro, spendendo le nostre vite e le nostre forze in attività alienanti che poco hanno a che fare con il primigenio etico contratto dove un essere più semplice evolve e si migliora grazie ad una società giusta che in cambio di poco restituisce con gli interessi.
E così alleviamo i nostri cavalli come alleviamo i nostri figli, antropomorfizzando i primi e viziando i secondi, senza alcuna riflessione ci affidiamo pigramente a ciò che si dice, alle consuetudini consolidate, ai dettami della pratica comune, acriticamente, superficialmente.
Ecco perché le nostre scuderie sembrano dei lager, i nostri cavalli sono problematici e muoiono malaticci a vent’anni quando ne potrebbero vivere ben sani quaranta.

Box, mangimi e ferratura sono le piaghe dell’allevamento moderno del cavallo e tutto ciò è dimostrato scientificamente ormai da più di trent’anni.

Vi è un altro aspetto, forse ancor più significativo, che ogni uomo che decide di stare con questi nobili animali dovrebbe attentamente considerare.
Oggi si tende a pensare che naturale sia sinonimo di migliore. Questo è vero solo in minima parte.
Un cavallo che pascola sereno, in compagnia dei sui simili, nella sua postura riposata e naturale avrà il peso della sua imponente massa per lo più sugli anteriori; il lungo dorsale disteso, lo splenio proteso in avanti nell’atto del brucare, la forza motrice dei posteriori quasi assente: i cavalli al prato deambulano tirandosi con gli anteriori, non spingendosi con i posteriori.
Un cavallo montato in questa sua postura naturale sarà un cavallo sulle spalle, orizzontale, direzionale e generalmente pesante sulla mano. La sua schiena e la sua incollatura svilupperanno una muscolatura rigida atta a compensare il continuo squilibrio in avanti nonché il peso del cavaliere. Sarà un animale destinato prima o poi a patologie muscolo scheletriche in alcuni casi anche gravi.
Anche il giovane bipede della razza umana nella sua posa decontratta e naturale, magari camminando sulla spiaggia in compagnia dei suoi simili, ciondola squilibrato in avanti, le spalle curve, il bacino retroflesso a volte molto distante dalla grazia della posizione eretta.
Poi al prato e sul bagno asciuga qualcosa succede, passa una giovane femmina dalle forme sinuose e la criniera al vento, entrambi bipedi e quadrupedi si trasformano, il petto si gonfia, le spalle si aprono, il bacino si ingaggia, gli addominali si tirano, l’incollatura si rileva e si incurva, le orecchie si tendono e gli occhi scintillano, i gesti si fanno ora coerenti armonici competitivi, carichi di energia ed equilibrio, un equilibrio che è sempre naturale ma ora è più netto, più significativo, più appariscente, più performante.

E’ in questo tipo di postura che il maestro monta il suo cavallo, è questo equilibrio verticale lo scopo ultimo dell’addestramento ed è nel raggiungimento di questo stato in maniera volontaria, continuativa e cosciente e non aleatoria e contestuale da parte del cavallo che risiede la chiave etica dell’equitazione.

Il maestro evolve dallo stadio di natura allo stadio di sapienza il suo destriero, liberando e portando alla coscienza la sua parte più nobile, pareggiando i conti.
Una equitazione incosciente, superficiale, ignorante, anche in buona fede e peggio ancora se praticata in maniera spocchiosa ed arrogante, diventa IL problema morale urgente con il quale ogni cavaliere dovrebbe seriamente fare i conti.

Riccardo Maria Bruno

(Bleeding – Barbara Fedeli – acrilico su carta – 70×50)

Cavalli a piedi nudi… F.A.Q.

Il mondo dell’equitazione è pieno zeppo di preconcetti che spesso allontanano, anche il cavaliere  più in buona fede, dalla verità e dal benessere per il proprio cavallo.

Caso emblematico è il barefoot o “piede nudo”, pratica denigrata e tacciata come pericolosa dalla maggior parte degli addetti ai lavori, proprietari e cavalieri in genere, nonostante le sua piena validità scientifica sia stata dimostrata ormai da quasi trent’anni.

Così ho pensato ad un immaginario dialogo fra un ingenuo cavaliere in erba ed il suo istruttore esperto di cavalli a piedi nudi, cercando di rispondere alle domande più frequenti su questo mondo ancora troppo sconosciuto:

 

(Giovane Cavaliere) Ma senza i ferri non si consumano troppo gli zoccoli? non gli farà male?

(Istruttore) I cavalli in natura percorrono scalzi su terreni vari e accidentati una media di trenta chilometri al giorno, per mangiare, trovare l’acqua e giocare. Conosco pochi cavalli di scuderia che possano vantare una media di quasi mille chilometri al mese!! Il problema è piuttosto il contrario, i nostri cavalli non camminano a sufficienza per limarsi naturalmente gli zoccoli, ecco perché si richiede l’intervento del pareggiatore per riprodurre artificialmente la normale usura dello zoccolo.

(Giovane Cavaliere) Certo, ma in natura i cavalli non portano mica il peso aggiuntivo del cavaliere!!!

(Istruttore) Capisco la tua osservazione ma ti invito a riflettere che le cavalle durante gli undici mesi di gravidanza portano il peso di un puledro che può arrivare fino a cento chili e non mi sembra che si mettano in poltrona a lagnarsi! In più vorrei farti notare che nel periodo fertile le giumente sono gravide ogni anno.

(Giovane Cavaliere) Ok ma quando si va sull’asfalto?? Certo non ci sono strade asfaltate in natura!

(Istruttore) E’ vero! Ma chiunque abbia avuto anche una piccola esperienza con cavalli scalzi ti dirà che sul cemento i nostri destrieri non scivolano e grazie al terreno piatto e abrasivo si consumano meglio le unghie. Sono piuttosto le pietraie a mettere più alla prova i piedini dei nostri amici!!!

(Giovane Cavaliere) Ho capito, ma tu puoi tenere i tuoi cavalli scalzi perché vivi in un territorio prevalentemente erboso e le passeggiate che fate sono su soffici campi e argini!

(Istruttore) E invece i terreni troppo morbidi sono un vero problema per la performance dei piedi dei mie cavalli. Sarebbe molto meglio avere terreni vari con terra erba e pietre un po’ come succede in montagna!! Terreni morbidi rendono i piedi morbidi mentre terreni duri rendono i piedi solidi come la roccia. Ecco perché ho cercato nel mio allevamento degli escamotage come ad esempio un fondo duro dove i cavalli stazionano più tempo per mangiare e quando usciamo in passeggiata cerchiamo il più possibile di farli camminare sul duro!

(Giovane Cavaliere) Si si, tutto quello che mi dici ha un senso, ma io l’ho visto un cavallo che perde un ferro e fidati non sembrava gradire anzi era proprio zoppo!

(Istruttore) E’ vero, sferrare un cavallo  ferrato da lungo tempo non è una procedura che va presa sotto gamba o che si può improvvisare. Esiste un periodo detto di transizione che può essere anche molto lungo a seconda del cavallo nel quale il piede necrotizzato e fragilizzato dalla ferratura deve tornare alla sua originaria solidità. E’ esattamente come se tu ti togliessi ora le scarpe e pretendessi di correre sulla ghiaia, sembreresti il povero cavallo che ha perso i ferri in passeggiata! Ma se ti prendi il tempo di abituare i piedi molto più velocemente di quello che pensi potresti camminare ovunque e senza alcun fastidio!

(Giovane Cavaliere) Ok ma con i cavalli sportivi come la mettiamo?

(Istruttore) Beh, ora che ci siamo detti tutte queste cose, questa domanda si risponde da sola. I cavalli sportivi lavorano prevalentemente su sabbia e a volte sull’erba. Il massimo del tragitto che fanno è box rettangolo, rettangolo trailer, trailer altro box e altro rettangolo. In questi casi il problema sta proprio nella poca sollecitazione di quei piedi ma soprattutto i vero problemi che affligge i cavalli sportivi e che non gli permette di poter vivere scalzi sono altri ovvero scuderizzazione e alimentazione. Tieni a mente queste due cose importantissime ne riparleremo nella prossima puntata!!

 

Questa è solo il primo ed introduttivo di una serie di articoli che scriverò sul barefoot e su quanto questa pratica sia benefica per i nostri amici cavalli sia sotto l’aspetto fisico/fisiologico che sotto l’aspetto mentale/psicologico. Sentitevi liberi, come il nostro giovane cavaliere di porre domande anche più scottanti di quelle che mi sono immaginato, cercherò nei miei limiti di rispondervi con grande piacere.

Riccardo M. Bruno

 

Equitando, campi estivi per ragazzi 2015

La nostra idea di settimana equestre per i ragazzi parte dal loro bisogno di libertà e natura, svincolati dai doveri quotidiani, responsabili di sé e del proprio cavallo.

I Cavalieri monteranno le tende nei campi del Bottaccino e prepareranno con cura l’accampamento, per dormire sotto le stelle, cullati dal ritmico masticare dei cavalli.

La giornata comincia presto per sfruttare il fresco del mattino: piccoli lavori di scuderia, grooming e poi tutti in sella, in campo o in passeggiata.

A mezzogiorno, al gran caldo, riposo per cavalli e Cavalieri, è tempo di rifocillarsi all’ombra del glicine, con chiacchiere equestri, confronti fra i ragazzi, e per rimpinguare il bagaglio culturale dei nostri piccoli Cavalleggeri prima di… giochi e spruzzi in piscina!

Il pomeriggio continua in sella per rivedere il lavoro del mattino e allenarsi per lo spettacolino da presentare a fine settimana ai genitori.
Così lo scopo a livello tecnico è anche occasione per far festa!

Dopo una così densa giornata, cena e a letto presto stanchi ed emozionati.

Alla fine di questa magica settimana, nessuno vorrà più lasciare il suo cavallo e il suo posticino sotto le stelle!

– Staff composto da un istruttore e 2 formatori
– 5 ore di corsi tutti i giorni
– 1 ora di teoria equestre
– Piscina e giochi
– Tutto il necessario per il bivacco messo a disposizione dal Centro
– Particolare cura nell’alimentazione dei Cavalieri
– Reportage fotografico della settimana
– Spettacolo con aperitivo per i genitori a fine corso

Giugno: 8 – 13 ——————–15 – 20
Luglio: 6 – 11 ——————— 13-18 ——————– 20-25
Settembre: 2 – 6

Per info e prenotazioni chiamare Riccardo al +39 347 0706239     oppure scrivete a info@agriturismoilbottaccino.it

Affrettatevi ancora pochi posti disponibili!!!

Backstage di un’avventura

Era un pezzo che non aggiornavo il blog, la vita quotidiana ci divora con la sua famelica routine e così questo spazione nell’etere dedicato al sogno e all’aventura ha riposato fra le maglie della rete e in un’angolino del mio cuore fino a stasera! Finalmente le giornate si allungano, il sole si fa tiepido, scristallino e i sogni si riaccendono…

Stiamo organizzando per tutti gli appassionati e le amazzoni in cerca di sensazioni antiche di erranti cavalieri:  un itinerario mozzafiato di sei giorni.

Si partirà dal Bottaccino per raggiungere le Costarelle dei nostri amici Dagmar e Max a Firenzuola, appollaiata e solitaria nel bel mezzo dell’Appennino. Il percorso salirà d’apprima sul Motalbano, antipasto prelibato di altezze e panorami, per inerpicarsi poi su lunghe piste bianche fra le valli e le vette dell’Appennino Toscano settentrionale.

Ci aspettano silenziose valli e allegri ruscelli che giocano fra i prati e scivolano fra le strette gole in mille saltelli. Sarà un trekking selvaggio con bivacco in tenda proprio come piace a noi Lungaviatori, ma questa volta abbiamo un alleato prezioso; Max e la sua “Toy” faranno l’appoggio e la logistica per i cavalieri.

Sarà possibile intraprendere l’avventura sia con i nostri cavalli, sia con cavalli di proprietà che siano adatti ovviamente ad un periglio di questo genere.

L’organizzazione, come sempre ci succede quando viaggiamo a cavallo, è maniacale, cominciando dalla la scelta del percorso non essendo affatto facile far combaciare spettacolarità, lunghezza, tempistiche e sicurezza in un’avventura di ben sei giorni.

E così oggi con gli amici Max e Frodo e le nostre rumorose cavalcature metalliche ci siamo lanciati nella prima di molte ricognizioni. Dopo una giornata passata a scorrazzare per le motagne, a scovare percorsi fra glia alberi caduti, a ridere e scherzare con i mie buoni amici, il tornare a valle lungo la striscia d’asfalto, fra la folla di macchine che rientrano dal lavoro, mentre le obre lunghe di un sole arancione gelavano l’aria all’imbrunire, mi ha lasciato un forte senso di decontestualizzazione. Vi lascio in compagnia delle foto scattate oggi… A presto

Primo giorno di scuola per Cacao

L’uomo che utilizzò per primo l’espressione “duro come un ciuco ” di certo non pensava di prendere in giro piuttosto gli stessi esseri umani.

Chi ha a che fare con questi docissimi equidi sa che gli asini sono molto più fini e rapidi di comprendonio dei loro cugini cavalli; ecco perchè chiunque li approcci con grossolanità avrà come unico risultato animali duri, caratteriali, che opporranno strenua e passiva resistenza alle meschine istanze dell’uomo gretto. Da qui la prosopopea umana che, prima di mettersi in discussione, da la colpa ai nobili e fieri animali dalle lunghe orecchie pensando di sbeffeggiarli con frasi di scherno che nascondono solo la loro stessa piccolezza.

Ma veniamo a noi, gli amici Menora e Paolo vivono sulle prime pendici dei monti di Pescia,  con la vista sulla valle e protetti dai boschi. Hanno quattro begli asini amiatini che vivono sereni fra gli ulivi della proprietà. Non sono esperti ma amono gli animali e la terra e questo per i loro asini è più che sufficente. Oggi però i due giovanotti della piccola comitica hanno un anno ed’età e devono affrontare la dura prova del microchip. Purtroppo però non è facile acchiapparli, sono rapidi e scaltri e la libertà di cui hanno sempre goduto li ha resi impertinenti, si fanno accarezzare, prendono il pane secco e le carote dalle mani ma di farsi prendere non se ne parla!!!

E qui entro in gioco io, negli anni mi sono fatto una grossa esperienza pareggiando ciuchini a destra e a manca visto che spesso i maniscalchi li snobbano e così aiuto amici e proprietari a capire ed interagire con i loro animali, semplificando e aumentando la qualità della vita di entrambi. Vi lascio in compagnia delle belle foto scatte oggi e vi invito a chiamarmi se vi sentite in difficoltà con i vostri amici quadrupedi!!